Vai al contenuto

Blackpink Shut Down una title track né sorprendente né incredibilmente cattiva

Le  BLACKPINK sono finalmente tornate con un nuovo album e Shut Down funge da title track principale. Data questa precisazione  è probabilmente giusto aumentare le aspettative rispetto la deludente Pink Venom. Avremo qualcosa di più soddisfacente rispetto a quel piccolo antipasto?

BLACKPINK Shut Down

Non sappiamo cosa dire!. Il gruppo ha deviato in una direzione diversa, rinunciando al solito gancio beat-drop-as-chorus per un flusso più languido che lega La Campanella di Niccolò Paganini a un moderno ritmo hip-hop. I campioni classici non sono una novità nel -pop, e qui è usato abbastanza bene. Le corde danno sapore alla traccia e impediscono che suoni troppo ‘datata’. Almeno Shut Down rispetto a 2 Baddies dei NCT 127 ,rilasciata lo stesso giorno ,non è insopportabilmente odiosa

L’accordo qui è sorprendentemente riservato. Il ritmo è solido come una roccia, anche senza l’onnipresente violino. Il rap va bene, ma copre lo stesso vecchio “siamo i migliori”, “non scherzare con noi”, ecc ecc i tropi in cui le BLACKPINK si sono impantanate da anni.

Come Pink Venom, il gancio parlato di Shut Down è destinato a scavare nella memoria, che tu lo voglia lì o meno. Il suo campione pesantemente ripetuto forma la maggior parte della spina dorsale melodica, risultando in un gancio ripetitivo che rischia di diventare troppo monotono man mano che la canzone va avanti. Shut Down è come molti dei singol delle BLACKPINK né sorprendente né incredibilmente cattivo.

Blackpink Shut Down

BLACKPINK - ‘Shut Down’ M/V

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *